Tag Archives: Dolci veloci

Pane alla banana e gocce di cioccolato senza lattosio

Oggi allerta neve…addirittura bollino rosso su Meteo Trentino.
Questa mattina carico la macchina con catene, moon boot, cambio di guanti, berretto e calzini.
Parto titubante in quanto le nuvole non promettono neve, ma vabbè…
Situazione ore 13.00…sarà caduto un fiocco, dico uno, in tutta la mattina!!
Situazione a 15 Km da qui…15 cm di neve!!Mah!
Intanto che resto in attesa della grande nevicata… vi lascio con questo pane alla banana, buono buono e finito subito!!

La ricetta su cui mi sono basata l’ho presa da Nigella e dal
libro “Delizie Divine”.

Ho cercato di renderla un po’ più leggera e adatta a me e
alla mia intolleranza al lattosio e ai gusti della mia famiglia (che non amano
l’uvetta)
Ingredienti:
175 gr di farina 00
1 cucchiaino di lievito
½ cucchiaino di bicarbonato
½ cucchiaino di sale
110 ml di olio di semi
140 gr di zucchero semolato (se lo aveste di canna sarebbe
anche meglio)
2 uova grandi
2 banane ben mature
20 gr di mandorlato “triturato” con il batticarne
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
2 pugni di gocce di cioccolato (potete sostituire con 100 gr
di uva sultanina ammollata nel rum)

In una ciotola mescolare bene l’ olio con lo zucchero.
Aggiungere le uova, una alla volta, e poi le banane schiacciate con una
forchetta.

Quando tutto sarà ben amalgamato aggiungere le gocce di
cioccolato, la vaniglia e il mandorlato.
Dopo aver mescolato bene, aggiungere la farina
precedentemente setacciata con il sale, il lievito e il bicarbonato.
Non mescolare troppo, giusto il tempo necessario perché non
si veda più la farina (ma va bene se rimangono i grumi).
Versare nello stampo da plum cake e cuocere a 180° per circa
45 minuti (ma fare sempre la prova stecchino!!).

Ho visto in tv che questo tipo di pane, in America, lo
tagliano a fette, lo passano nell’uovo e lo friggono (tipo french toast)…ma vi
assicuro che anche mangiato così è perfetto, umido saporito e perfetto per la
colazione! 

E da voi com’è il tempo?
Laura ***

Torta antinfluenzale, ovvero torta all’arancia!!

Buon lunedì!
Qui sta iniziando il vero freddo (questa mattina -8.5°), ma
la neve è ancora poca poca…diciamo appena qualche centimetro e nei punti dove
batte il sole c’è solo erba…che tristezza!!!
In cambio il periodo delle influenze è in pieno regime e ne
è colpita 1 persona su 2..e allora avanti spremute, arance e vitamine!!!
Poi un giorno trovo una ricetta golosa e sana sul Blog di Chiarapassion,
e me ne innamoro J
Casualmente mia mamma è ammalata, e DEVO assolutamente
farla, così assumerà ancora più vitamine!!!
La torta è facilissima e talmente buona che è finita subito.
L’ arancia si sente tanto ed è la parte più gustosa, mentre
la parte più furba è frullare tutta l’arancia!
Passiamo alla ricetta…

Ingredienti:
1 arancia grande e ovviamente biologica
250 gr di zucchero semolato
100 ml di olio di semi
3 uova
1 cucchiaino di bicarbonato
100 gr di mandorle
25 ml di acqua
25 ml di succo di arancia
150 gr di farina 00
Tritare le mandorle con un cucchiaio di zucchero
(preso dal totale) molto finemente.
Lavare bene l’arancia e frullarla TUTTA finchè non
diventa una purea (ci vorrà qualche minuto).
Nel frattempo montare le uova con lo zucchero per
almeno 10 minuti (devono triplicare di volume).
A questo punto aggiungere a filo l’olio, l’acqua e il
succo di arancia e continuare a mescolare.
Aggiungere la farina, le mandorle e il bicarbonato e
mescolare bene delicatamente con una spatola (per non smontare le uova).
Versare l’ impasto in una tortiera di 20 cm.
Cuocere a 170° per circa 45-50 minuti (fare sempre la
prova stecchino per essere sicuri che non abbia bisogno ancora di qualche
minuto).
Decorare con dello zucchero a velo e con zuccherini
colorati.

Provatela,e  vedrete che ne andrete pazzi!! 🙂
Laura ***

Semifreddo con pistacchio e cioccolato

Oggi nevica…e finalmente direi!!
Ormai anche da me (e abito a 1100 mt. slm) l’erba è bella verde e iniziano ad esserci i primi fiorellini, e non è normale!!
L’ inverno deve essere freddo e con la neve, perchè in inverno deve fare inverno ed in estate deve fare estate, punto.
Comunque oggi nevica, vedremo se dovrò preoccuparmi in pomeriggio di tornare a casa viva e vegeta o se è soltanto una neve illusoria!
Intanto io vi lascio con questa ricettina buonissima e furba, perchè l’ ho fatta per riciclare della crema avanzata al corso di pasticceria base che faccio, e con la quale avevamo fatto il Tiramisù con caffè d’ orzo.
Alla crema avanzata ho poi aggiunto un po’ di crema di pistacchi e qualche goccia di cioccolato.
Io non ho potuto assaggiarla ma a casa hanno detto tutti che è ottima!!

Perciò ecco la ricetta della crema, che poi potrete usare anche per un classico tiramisù!

Ingredienti (potete benissimo fare 1/2 dose):

175 gr di tuorli (circa 9)
340 gr di zucchero semolato
100 ml di acqua
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
500 ml di panna (lo chef dice meglio se vegetale, se intollerante come me solo vegetale)
500 gr di mascarpone (se intollerante, senza lattosio)

Portare ad ebollizione lo zucchero con l’acqua, fino a raggiungere i 121° da misurare con un termometro da cucina (in assenza ci ha insegnato che da quando bolle far passare circa 1 minuto, mettere un dito sotto l’acqua fredda e metterlo nello sciroppo, se si forma sul dito una specie di “pellicola”vuol dire che è pronto).
Nel frattempo montare i tuorli con la vaniglia e quando lo sciroppo è pronto aggiungerlo a filo ai tuorli mentre ancora stanno montando.
Far andare la planetaria fino a completo raffreddamento delle uova.
Unire il mascarpone e mescolare bene in modo che non rimangano grumi.
A questo punto aggiungere la panna montata.

Finiti questi passaggi si ha la crema pronta per essere usata a piacimento, per un tiramisù, un semifreddo ecc.
Io ho mescolato la crema con 2/3 cucchiai di pasta di pistacchio e 3 pugni abbondanti di cioccolato fondente (potreste aggiungerci anche pistacchio a pezzettini).
Versare il tutto in uno stampo da plum cake (meglio se in silicone, così il dolce si sfilerà meglio) e ho messo in freezer per almeno 24/36 ore.
Servire con della glassa al cioccolato.

Provatela e vedrete che non rimarrete delusi! 🙂
Laura ***


Cupcake al cappuccino senza lattosio

 E siamo a lunedì…la prima settimana senza festività e perciò
completamente lavorativa…ce la farò?! J

Questa sera inizio un corso di pasticceria per tre serate
cercherò di imparare trucchi e tecnica di cose che faccio, ma tutte a livello
amatoriale e spero alla fine di essere più preparata e competente, anche se il
mio sogno sarebbe fare un corso con il Maestro Montersino (e chi tra noi
foodblogger non ha questo sogno??!!)…
Intanto che sogno e spero, vi lascio con questi cupcake
ottimi tratti dal libro “le Cupcake di Lola”, anche se un po’ modificati da
me..

Ingredienti:
65 gr di farina
1 cucchiaino di bicarbonato
50 gr di mandorle in polvere
65 gr di margarina
90 gr di zucchero semolato
½ cucchiaini di estratto di vaniglia (che alla fine mi sono
dimenticata di mettere)
1 uovo
35 gr di panna acida (io ho messo 35 gr di latte senza
lattosio con il succo di mezzo limone)
½ cucchiaino di caffè macinato
1 cucchiaino di liquore all’amaretto
100 gr di mascarpone senza lattosio
40-50 ml di panna vegetale
2 cucchiaini di caffè solubile da sciogliere nella panna
Scaldare nel microonde la panna e il caffè solubile e lasciar raffreddare.
Sbattere la margarina con lo zucchero, finchè sarà tutto morbido e soffice.
Aggiungere l’uovo e sbattere ancora.
Aggiungere metà delle polveri, precedentemente setacciate, e metà della panna acida.
Finite di aggiungere le polveri, la panna acida, la vaniglia e il liquore.
Quando il composto risulterà morbido e soffice trasferirlo nei pirottini.
Cuocere per 20 minuti a 170°.
Nel frattempo sbattere il mascarpone con la panna e il caffè. Se risultasse troppo soda, aggiungere un cucchiaio di latte.
Quando i cupcake si saranno raffreddati glassarli con la crema al caffè, spolverizzarli con del caffè macinato e decorare a piacere.
Io ci ho messo delle meringhette (avevo molti albumi avanzati e così ne ho approfittato).
Sono molto buoni e il liquore all’amaretto gli da un tocco in più, non omettetelo!!

 Vi auguro un buon rientro e una buona settimana!!
Laura ***


Brownies mela e nocciola (ovviamente senza lattosio)

Essendo nata in Val di Non non posso di certo dire che non
conosco ricette con le mele, anche se a casa mia quello che va per la maggiore
è lo strudel, fatto con pasta sfoglia comprata, con la pasta originale, con la
pasta fatta con farina e panna, con lievito di birra ecce cc…
A me piace sperimentare ricette diverse, anche perché al
momento ci hanno regalato un bel po’ di mele e allora dobbiamo utilizzarle,
no?! L’ anno scorso ho provato questa versione, che devo dire a me piaceva
tantissimo!! E dopo Nigella non potevo non provare Martha Stewart.
Questa ricetta è di una semplicità pazzesca, buona e veloce,
che volere di più?
Qui potete trovare la ricetta originale, qui sotto la mia
con qualche piccola modifica.

Le foto non sono il massimo, ma ho fatto questi brownies (o
meglio blondies)di fretta, intanto che meditavo che mettere in valigia per il
mio mini week end!
Ingredienti:
7 cucchiai di zucchero
7 cucchiai di olio di semi
2 cucchiai di acqua
1 cup di farina (150 gr)
1 cucchiaio di nocciole tritate
1 cucchiaino di cannella
1 pizzico di noce moscata
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito
1 goccia di essenza al limone
1 uovo
1 mela golden (ma va benissimo anche una mela renetta)
Amalgamare bene i liquidi, e perciò uovo, olio, acqua ed
essenza con lo zucchero.
In un’altra ciotola mescolare farina, lievito, sale,
cannella, noce moscata e nocciole.
Mettere i liquidi nelle polveri e mescolare finchè la farina
si è amalgamata (ma devono rimanere i grumi della farina, in modo che la torta
rimanga morbida).
Con un pelapatate sbucciare la mela (se sono mele
biologiche, potete lasciare la buccia che fa pure bene)e tagliarla a fettine.
Versare l’ impasto in una teglia quadrata (max 20×20) e
adagiarci sopra le mele. Spolverizzare con dello zucchero semolato le mele.
Cuocere a 180° per 35-40 minuti.

A questo punto non rimane che lasciar freddare e tagliare a
pezzetti (io non ho resistito e l’ ho assaggiata ancora bollente!).

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Simona (passate da lei e troverete tantissime ricette gustose!)

Laura ***


Muffin ai 3 cioccolati

Estate fredda, brutta e piovosa.
Autunno caldo, soleggiato e bello.
Abbiamo passato la metà di ottobre e il sole scalda, scalda
come non ha scaldato nemmeno ad agosto..e mi piace!
Mi piace poter andare a passeggiare vestita leggera, come se
fosse inizio estate e allo stesso tempo guardare i colori dell’ autunno, presi
da una tavolozza di un pittore.
Ovviamente non durerà, già domani hanno messo neve sulle
montagne :S
Spero che l’ inverno lo faccia freddo, che faccia un vero
inverno, perché solo così si può sperare in una vera estate!!
Intanto che continuo a parlare (o delirare) del tempo, vi lascio la
ricetta di questi muffin, fatti velocemente per avere una merenda durante la
nostra passeggiata e per festeggiare il mio onomastico (che a parte 2/3
persone, lo dimenticano tutti!).

Sono buonissimi e morbidissimi, e in un recipiente ermetico
si mantengono anche 4/5 giorni (se durano così tanto!!).

Ingredienti:
1 uovo 
140 gr di farina
1 cucchiaino di bicarbonato 
40 ml di olio di semi
1 vasetto di yogurt greco (io normale, ma senza lattosio e
grassi)
80 gr di zucchero
1 cucchiaio di latte (senza lattosio)
1 manciata di gocce di cioccolato al latte
1 manciata di gocce di cioccolato fondente
1 manciata di gocce di cioccolato bianco
1 manciata di nocciole tritate
Mescolare la farina con lo zucchero, il bicarbonato  e
il cioccolato e le nocciole.
In un’altra ciotola mescolare bene yogurt, uova, olio e
latte.
Aggiungere i liquidi alle polveri e mescolare assieme (poco,
finché la farina viene assorbita, ma lasciando i grumi)
Mettere nei pirottini e cuocere a 180° per 20 minuti (fare
la prova stuzzicadenti).
Sfornare e lasciare raffreddare.
In alcuni ho messo al centro un po’ di camy cream avanzatami da una torta, che io non ho potuto assaggiare (perché fatta con mascarpone, panna e latte condensato) ma mi hanno detto che l’ abbinata con il muffin era divina! 🙂
Provateli e vi assicuro che non resisterete dal mangiarveli tutti!! 
Laura ***